Master di I livello Università di Parma

"Management del rischio infettivo correlato all'assistenza sanitaria"

 
 

Il Master di I livello “Management del rischio infettivo correlato all'assistenza sanitaria” è promosso dal Dipartimento di Scienze Chirurgiche dell'Università degli studi di Parma in collaborazione con l'Associazione Nazionale Infermieri Specialisti nel Rischio Infettivo "ANIPIO".

Si tratta di un corso di formazione avanzata, nel quale l'infermiere acquisisce competenze professionali specifiche cliniche, gestionali, organizzative, relazionali, operando in autonomia e in collaborazione con gli altri professionisti nei vari contesti sanitari e socio-sanitari, sia pubblici che privati. L'infermiere specialista nel rischio infettivo rappresenta una risorsa importante per i cittadini, per gli operatori e per le organizzazioni socio-sanitarie, al fine di garantire la tutela della salute della collettività.

Le infezioni correlate all'assistenza (ICA) sono riconosciute come un problema di sanità pubblica per frequenza e impatto sulla morbilità e mortalità dei pazienti. La letteratura riporta un'alta percentuale (circa il 30%) di prevenibilità delle ICA e attribuisce un elevato impatto sui costi delle cure. In Italia si stima che dal 5 all'8% dei pazienti ricoverati contragga un'infezione ospedaliera.

Il Consiglio dell'Unione Europea invita gli stati membri ad attivare una strategia nazionale per la prevenzione e il controllo delle infezioni correlate all'assistenza; il Master in oggetto intende dare un contributo qualificato alla messa in atto di tali strategie.


 

Competenze fondamentali che si intendono formare

 

Al termine del Master lo studente sarà in grado di:

  • Partecipare alla definizione delle politiche sanitarie e socio sanitarie a livello nazionale, regionale, locale per tutelare la salute e la sicurezza del cittadino
  • Partecipare alla identificazione del rischio infettivo nei contesti sanitari e socio sanitari
  • Pianificare, gestire e valutare gli interventi di prevenzione, controllo, sorveglianza del rischio infettivo, in un ambito multi professionale e multidisciplinare
  • Pianificare, gestire e valutare progetti di formazione, ricerca e innovazione nell'ambito del rischio infettivo
  • Garantire attività di supervisione e consulenza sul controllo del rischio infettivo basati sulle evidenze scientifiche
  • Gestire relazioni efficaci attraverso l'utilizzo di tecniche di comunicazione finalizzate al coinvolgimento dell'utente, del caregiver e degli operatori per il controllo del rischio infettivo
  • Utilizzare, nel controllo del rischio infettivo, metodi e strumenti per orientare le scelte e migliorare la qualità degli interventi in relazione all'evoluzione tecnologica e delle conoscenze
  • Promuovere il cambiamento nei diversi contesti organizzativi, favorendo l'adesione alle buone pratiche nel controllo del rischio infettivo
  • Adottare strategie di autoapprendimento e aggiornamento continuo delle proprie conoscenze e competenze specialistiche
 
 

Presidente del Master : Prof. Leopoldo Sarli (Università di Parma)
Coordinamento scientifico: Dott.ssa Giovanna Artioli (Università di Parma)- Dott.ssa Maria Mongardi (Presidente ANIPIO)
Tutors - AA 2014-2015: Dott Michele Minari, Dott. Alfonso Sollami (Azienda Ospedaliero Universitaria di Parma)
Tutors - AA 2015-2016: Dott.ssa AlfieriEmanuela, Dott.ssa Elisa Dalla Tana (Azienda Ospedaliero Universitaria di Parma)
Tutors - AA 2016-2017: Dott.ssa Elisa Dalla Tana (Azienda Ospedaliero Universitaria di Parma)


Bandi per l’ammissione al Master : aperto il bando per l'ammissione all'anno accademico 2017-2018
Scadenza domande: 15 dicembre 2017



 

Anno Accademico 2014-2015