Sars Cov-2: che cosa sappiamo delle varianti in circolazione?

 
 

Attualmente in tutto il mondo sono state identificate centinaia di varianti del virus Sars Cov-2. L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e la sua rete internazionale di esperti monitorano costantemente le modifiche in modo che, se vengono identificate mutazioni significative, può segnalare ai Paesi eventuali interventi da mettere in atto.
Al momento sono 3 le varianti segnalate che destano particolare preoccupazione, la VOC 202012/01 identificata per la prima volta nel Regno Unito, la 501Y. V2 (denominata anche B.1.351) identificata in Sudafrica e la P1 con origine in Brasile.

 
 

Mentre in Italia si stanno attuando indagini per accertare la diffusione di queste varianti, stanno emergendo molti interrogativi sulle misure di prevenzione e controllo delle infezioni sostenute da varianti.
Nonostante le conoscenze sulle nuove varianti virali siano ancora in via di consolidamento, riteniamo che possa essere utile mettere a disposizione informazioni aggiornate da documenti nazionali e internazionali.

E' inoltre disponibile on line il nuovo documento dell'Istituto Superiore di Sanità "Indicazioni ad interim sulle misure di prevenzione e controllo delle infezioni da SARS-CoV-2 in tema di varianti e vaccinazione anti-COVID-19 "

 

Inoltre per saperne di più su varianti e vaccini è possibile scaricare la presentazione "L’esperienza vaccinale COVID-19 del Policlinico A. Gemelli" a cura di Laurenti P. (Direttore UOC Igiene Ospedaliera Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS- Università Cattolica del Sacro Cuore)

 
 

Link utili